L’UFFICIALE E LA SPIA – J’ACCUSE

Orari degli spettacoli - 21 novembre - 4 dicembre

giovedì 21
  • 16:50
  • 19:10
venerdì 22
  • 16:50
  • 19:10
sabato 23
  • 16:50
  • 19:10
  • 21:30
domenica 24
  • 14:30
  • 16:50
  • 19:10
  • 21:30
lunedì 25
  • 19:10 VO
  • 21:30
martedì 26
mercoledì 27
  • 15:40
  • 21:30 VO
giovedì 28
  • 16:50
  • 19:10
  • 21:30
venerdì 29
  • 16:50
  • 19:10
  • 21:30
sabato 30
  • 16:50
  • 19:10
  • 21:30
domenica 1
  • 14:30
  • 16:50
  • 19:10
  • 21:30
lunedì 2
  • 17:00
  • 21:30
martedì 3
  • 19:10
  • 21:30
mercoledì 4
  • 17:20
VO - Audio in Versione Originale con sottotitoli in italiano - Original Version with italian subtitles

acquista biglietti

VINCITORE DEL LEONE D’ ARGENTO – GRAN PREMIO DELLA GIURIA ALLA 76ª MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2019)

Thriller per genere, commedia umana per guadagno, trattato politico per analisi, grande cinema per immagini: Roman Polanski non si dà arie, non si pavoneggia, solo ci fa vedere meglio: le focali lunghe della Storia, il nostro qui e ora.
CHI DIMENTICA È COMPLICE, ANZI, CARNEFICE.

Il 5 gennaio 1895, il Capitano Alfred Dreyfus, promettente ufficiale, viene degradato e condannato all’ergastolo all’Isola del Diavolo con l’accusa di spionaggio per conto della Germania. Fra i testimoni di questa umiliazione c’è Georges Picquart, che viene promosso a capo della Sezione di statistica, la stessa unità del controspionaggio militare che aveva montato le accuse contro Dreyfus. Ma quando Picquart scopre che tipo di segreti stavano per essere consegnati ai tedeschi, viene trascinato in una pericolosa spirale di inganni e corruzione che metteranno a rischio non solo il suo onore ma la sua vita.

– Polanski si appoggia al romanzo An Officer and a Spy di Robert Harris, autore di cui aveva già trasposto The Ghost Writer, e, sceneggiandolo con lui, ne adotta la prospettiva: benché il titolo francese del film sia quello della celeberrima lettera-pamphlet di Emile Zola al presidente della repubblica, il punto di vista qui privilegiato è quello del colonnello Picquart, promosso alla direzione dei servizi segreti proprio a seguito della condanna di Dreyfus. Pur non negando il pregiudizio personale, razziale, sull’ufficiale alsaziano, di cui era stato diretto superiore, Picquart si rende principale fautore di una sua riabilitazione, non appena si rende conto della conduzione fallosa e, faziosa dell’inchiesta da parte dei suoi predecessori, e, per far emergere la verità, la giustizia, è disposto a rischiare tutto sul fronte personale, affrontando i meccanismi di autodifesa delle gerarchie militari (e di un’opinione pubblica molto schierata). –

Anche in versione originale (francese) con sottotitoli in italiano – Aussi en version originale (Français) avec sous-titres italiens

🇫🇷Pendant les 12 années qu’elle dura, l’Affaire Dreyfus déchira la France, provoquant un véritable séisme dans le monde entier.
Dans cet immense scandale, le plus grand sans doute de la fin du XIXème siècle, se mêlent erreur judiciaire, déni de justice et antisémitisme. L’affaire est racontée du point de vue du Colonel Picquart qui, une fois nommé à la tête du contre-espionnage, va découvrir que les preuves contre le Capitaine Alfred Dreyfus avaient été fabriquées.
A partir de cet instant et au péril de sa carrière puis de sa vie, il n’aura de cesse d’identifier les vrais coupables et de réhabiliter Alfred Dreyfus.