image/svg+xml

Le otto montagne

registaFelix Van Groeningen, Charlotte Vandermeersch
castLuca Marinelli, Alessandro Borghi, Filippo Timi, Elena Lietti, Elisabetta Mazzullo, Lupo Barbiero, Cristiano Sassella
paeseItalia
anno2022

Una storia di amicizia, di padri e di figli e delle scelte che facciamo nella vita che ci viene data, sullo sfondo delle montagne che dobbiamo scalare fisicamente e psicologicamente. Una storia universale sull’inesorabile ricerca del conoscere sé stessi e al contempo di essere fedeli agli altri.

PREMIO DELLA GIURIA ALLA 75° EDIZIONE DEL FESTIVAL DI CANNES

Cos’è l’amicizia? Cos’è la natura? Felix Van Groeningen e Charlotte Vandermeersch realizzano un film che tocca l’essenziale, di grande portata visiva e narrativa

Tratto dall’omonimo romanzo di Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega nel 2017, riadattato per il grande schermo dai belgi Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersch, già rispettivamente regista e sceneggiatrice di “Alabama Monroe – Una storia d’amore”, candidato agli Oscar 2014, e vede interpreti Alessandro Borghi e Luca Marinelli, protagonisti affiatati ed efficaci al fianco di Filippo Timi, Elena Lietti ed Elisabetta Mazzullo.

“Le otto montagne” è ambientato tra le affascinanti Alpi della Valle d’Aosta. La bellezza della sua fotografia e l’intensa semplicità e universalità della sua storia colpiscono immediatamente, ma il viaggio interiore che i due protagonisti compiono tocca ad un livello ancora più intimo oltre suggestivo.

Sarebbe bastato anche solo riuscire a restituire il fascino attrattivo delle vette perché “Le otto montagne” potesse dire di aver fatto bene il suo lavoro di adattamento del romanzo di Paolo Cognetti, e invece è andato oltre. In questa storia di uomini che vengono cambiati dalla montagna, la cui attrazione per le cime e quei posti dà forma ad un’intera esistenza, in un processo quasi di dipendenza da quegli spazi, da quel mondo e da quel paesaggio, c’è un mistero stranissimo. Questo rapporto con il paesaggio è solo il gancio che ci tiene avvinti mentre ci viene raccontata una storia di relazioni così ordinarie e così ben raccontate da suonare subito personali, appartenenti a qualunque spettatore, anche quello che in montagna non ci ha mai messo piede. – wired.it