image/svg+xml

La zona d’interesse (the zone of interest)

registaJonathan Glazer
castChristian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
paeseStati Uniti
anno2023

Orari

mercoledì 28 febbraio
giovedì 29 febbraio
lunedì 04 marzo
mercoledì 06 marzo

Un uomo e sua moglie tentano di costruire una vita perfetta in un luogo apparentemente da sogno: giornate fatte di gite in barca, il lavoro d’ufficio di lui, i tè con le amiche di lei e le scampagnate in bici con i figli. Ma l’uomo in questione è Rudolf Höss, comandante di Auschwitz, e la curata villetta con giardino della famiglia si trova esattamente di fianco al muro del campo…
Dal talento di Jonathan Glazer (Under The Skin), un’opera imprescindibile sulla perdita dell’umanità e sulla banalità del male, Grand Prix a Cannes 2023 e candidato a 5 Premi Oscar

UN’OPERA IMPRESCINDIBILE SULLA PERDITA DELL’UMANITÀ E SULLA BANALITÀ DEL MALE.

🏆 GRAN PREMIO DELLA GIURIA AL 76° FESTIVAL DI CANNES.
🏆🏆🏆🏆🏆CANDIDATO A 5 PREMI OSCAR TRA CUI MIGLIOR FILM.

Jonathan Glazer (Sexy beast – L’ultimo colpo della bestia, Birth – io sono Sean, Under the Skin) firma il suo primo lungometraggio in lingua non inglese, liberamente ispirato all’omonimo romanzo dello scrittore britannico Martin Amis, recentemente scomparso.

«Per me questo non è un film sul passato. Cerca di parlare di adesso, di noi e della nostra somiglianza con i carnefici, non con le vittime. (…) Ero davvero interessato a fare un film che andasse al di là dell’ideologia, fino al fondo primordiale di tutto (…), la capacità di esercitare violenza che tutti noi abbiamo» (Jonathan Glazer)

«A dieci anni di distanza da Under the Skin, acclamato universalmente come una delle opere che ha meglio colto le inquietudini della contemporaneità, Jonathan Glazer si ripresenta con la trasposizione di un romanzo di Martin Amis: un film ambizioso e collocato in un’epoca storica tristemente nota, quella degli anni ’40 e della messa in atto della Soluzione Finale da parte dei nazisti. Ma è chiaro fin da subito come non sia la ricostruzione storica a interessare il regista, bensì la messa in scena di una situazione paradossale, così estrema da trasformarsi in un laboratorio di analisi della banalità del male e della separazione tra percezione soggettiva e realtà oggettiva. […] Ancora una volta straordinaria Sandra Hüller (Toni Erdmann, Anatomia di una caduta) nel ruolo di Hedwig, moglie di Rudolf, così affezionata alla propria dimora da lottare strenuamente perché il marito mantenga la propria posizione professionale. Ma è la coralità di cast nel suo complesso, unita alla direzione di Glazer e alle musiche di Levi, a rendere The Zone of Interest un’opera di cui si parlerà a lungo.» (Emanuele Sacchi, mymovies.it)