ALLA MIA PICCOLA SAMA | FOR SAMA

Orari degli spettacoli - 24 febbraio - 26 febbraio

lunedì 24
  • CHIUSO
martedì 25
  • CHIUSO
mercoledì 26
  • CHIUSO
acquista biglietti

ad oggi il documentario più premiato di tutti i tempi:
– Candidato all’Oscar come Miglior Doc,
– Vincitore agli EFA Miglior Doc,
– Vincitore a Cannes Miglior Doc,
– Vincitore ai BIFF Miglior Film + Miglior Doc + Miglior Regia + Miglior Montaggio
– Vincitore del Biografilm + Premio del pubblico
– e tanti altri tra cui 4 Nomination ai BAFTA Film Awards nella categoria Miglior Film, Miglior Film Straniero, Miglior Doc, Miglior Esordio

SINOSSI
“Alla mia piccola Sama” è una storia strabiliante: una videolettera che la regista siriana di 26 anni Waad al-Kateab, scrive alla loro bambina, per spiegarle perchè i suoi genitori sono rimasti ad Aleppo e perchè l’hanno tenuta con loro, a rischio della loro vita e della sua.

“For Sama è un film semplice nel concetto e frantumante nell’esecuzione, fondendo reportage duri con testimonianze personali incustodite. La voce di una giovane donna madre al di sopra del frastuono sibilante della guerra: una voce che non si era ancora sentita. E’ il cinema del reale nel significato più letterale. Straordinario, difficile da eguagliare.” Variety

“UNO DEI DOCUMENTARI PIÙ POTENTI ED IMPORTANTI DI SEMPRE” – MICHAEL MOORE

“IL FILM PIÙ IMPORTANTE CHE ABBIATE MAI VISTO” – THE TIMES

Per un genitore, c’è una paura più grande della morte: la perdita del proprio figlio. Nata nel cuore della rivoluzione civile esplosa in Siria nel 2012 tra i corridoi dell’Università di Aleppo, cresciuta in una città devastata, tra le corsie di un ospedale ancora bagnate dal sangue di tante vittime innocenti, la piccola Sama non ha colpe, se non quella di essere la figlia di una giornalista e di un medico avversi al regime. Ma nonostante le bombe e la distruzione, lei e la sua famiglia resistono ai tentativi di spegnere la fiamma della speranza. Presentato al Festival di Cannes, For Sama è un grido d’aiuto nudo e crudo, senza filtri, che pretende giustizia: perché senza dignità, non c’è esistenza che si possa definire vita.